• Home
  • Blog
  • Carnevale origini del simbolismo

Carnevale origini del simbolismo

Origini del carnevale

 

Origini del carnevale

Ogni anno arrivati a questo periodo, ecco che le pesone sono ansiose di festeggiare il carnevale, periodo di felicità e festeggiamenti goduriosi, ma senza però sapere da dove provenie questa festa.

Da dove proviene la festa del carnevale

Il carnevale è per lo più una festa presente nelle culture cristiane, nelle quali i festeggiamenti si attuano pubblicamente, con manifestazioni con carri allegorici e costumi variopinti e fantasiosi.

Nella festa di carnevale si sua mascherarsi , cambiare fisionomia e identità, per sentirsi più liberi di essere ciò che si è realmente invece che continuare anche in questo periodo giocoso, di indossare maschere socialmente accettate ma che annichiliscono la persona.

Questa festa carnevalesca non deriva dalla cultura cristiana, nonostante venga, come ho precedentemente detto, seguita soprattutto dalle popolazioni di questo credo religioso, ma bensì il carnevale deriva da tradizioni pagane molto antiche, via via collegate durante la storia con le feste Dionisiache greche, le Antesterie o i Saturnali dell'antica Roma, dove si scioglievano i limiti imposti dal buon vivere e dalle regole sociali, per permettersi di fare scherzi e lasciarsi andare anche a baccanali festivi.

Significato del carnevale

Il caos che nasce dai festeggiamenti del carnevale, è collegato con il caos primigenio della creazione, e con esso a tutte le divinità collegate a questa caratteristica, i quali portano disordine e caos per far si che nasca qualcosa di differenziato dall'ordine sterile.

Non sono d'accordo che le feste di carnevale vengano collegate a tutte le festività e ritualità connesse alla presenza di maschere poiché l'intenzione a volte cambia anche di molto.

Presso la cultura romana, era d'uso festeggiare il nuovo anno (ripreso poi con i festeggiamenti della "vecchia" o befana ma a gennaio secondo l'uso cristiano e poi modificato secondo altri simbolismi) vestendo un uomo con la pelle di una capra, portato in processione mentre gli astanti lo colpivano con bacchette e veniva chiamato Mamurio Veturio.

Nella cultura babilonese, dopo l'equinozio di primavera, veniva ritualmente descritto il processo originale della creazione dell'universo, che veniva descritto tramite una guerra simbolica tra il dio Marduk con il drago Tiamat.

La festa di carnevale, non lascia scamppo al fatto che chi la esperiva, cercava un momento per divenire come il precedente momento prima della crazione dell'universo, un momento fatto di mancanza di giudizio, di libertà totale che mai umano potrà sperimentare se non limitatamente.

Antesterie feste pagane

Antesterie

Un caos che inizia e finisce in un momento dell'anno in cui i pianeti si trovano in una certa formazione del cielo, quindi anche se si parla di caos non è il caos descritto spesso dalla religione cattolica, poiché comunque fa parte di un disegno più grande.

Non esiste un ordine prefissato nel cosmo né un caos totale ma solo un caotico ordine incomprensibile al quale gli uomini devono assoggettarsi senza cercare di imbrigliare energie che non sarebbero in grado di trovare, ed è questo il vero insegnamento del carnevale.

Lasciare andare ogni tentativo di controllo, impossibile a un certo punto, non solo serve da valvola di sfogo interiore e personale, ma aiuta anche a comprendere come l'uomo sia microscopico rispetto all'universo e si deve mettere in testa che non può né potrà mai controllare il Tutto creato dal caos del Big Bang.

Contatti: druido12974@gmail.com
Copyrights simbolisignificato.it 2014- Tutti i diritti riservati

 Partita IVA: 01533220297

Donazioni per il sito simboli