ermete trismegisto simbolo spiegato

Ermete o Hermete Trismegisto, ovvero il tre volte grande, è una figura filosofico esoterica, conosciuti da tutti coloro che studiano le scienze esoteriche e quelle spirituali. Vediamo cosa indica la raffigurazione che riporto di seguito.

Significato Simbolo Ermete Trismegisto

La figura di Ermete Trismegisto, è ammantata di mistero, poiché per quanto molti ricercatori delle scienze esoteriche o della storia occultata dell'uomo, possano portare alla luce dei non iniziati, non ci sono certezze assolute.

Si pensa che questa figura storica, possa essere un grande sapiente che portò la conoscenza nel mondo degli uomini: a volte paragonata a figure collegate ad esseri alieni, in altri invece, un uomo di grande levatura mentale, Ermete o Hermete Trismegisto, fu comunque il comunicatore di verità comprensibili solo a chi era iniziato alle arti proibite e spirituali.

Fu forse un personaggio che cercava di tramandare la scienza di oggi tramite detti filosofici o arcane frasi incomprensibili ai più, non si sa, ma sicuramente passò alla storia per la sua grande profondità interiore e conoscenza della scienza energetico/spirituale, mai eguagliata da nessuno nel corso dei millenni.

Ma veniamo ora al simbolismo racchiuso nella immagine che di seguito vi riporto:

Hermete Trismegisto il tre volte il grande

Ermete, è assisto su un trono quadrato, simbolo della grande stabilità mentale che possedeva. Dietro di esso sono presenti due finestre uguali ma opposte, simbolo di una visione aperta in entrambi i lobi cerebrali e entrambi i poli interiori, ovvero maschile e femminile, interiore ed esteriore, razionale/logico e inconscio/emozionale.

Ermete è circondato da 10 volatili che gli puntano ognuno un arco armato e pronto a scoccare una freccia. I volatili in questo caso, sono simbolo dei pensieri, legati alle dieci virtù e debolezze umane, a loro volta scatenate da possibili debolezze dei centri energetici umani (chakra) ...

Si lo so, solitamente i chakra principali sono 7 ma in questo caso dobbiamo tener conto che il 10 rappresenta la perfezione raggiunta sotto ogni forma, sia essa spirituale che materiale.

Il 10 è anche il numero della perfezione del cosmo, poiché partendo da 1 si arriva al 10 che altro non è che un nuovo inizio, un punto di partenza da cui spiccare il volo verso altri nuovi stimoli e confini.

Esistono molti più centri energetici di quelli normalmente conosciuti e rivelati ai non addetti al lavoro spirituale. Inoltre i 7 chakra sono comunque in un qualche modo inferiori rispetto alla trinità della creazione (non posso spiegarvelo perché non siete iniziati) composta da corpo , mente e spirito ... in questo caso divisi sempre per polarità.....

Se fate caso, le persone (sono quattro) che affiancano la figura del maestro Ermete, sono più piccole dell'iniziato, cosa che dimostra come si tratti di un iniziato superiore ai normali umani che abitano questo mondo.

Lo sguardo di Ermete è fisso al suo lato sinistro, cosa che indica come tramite l'uso cosciente della psiche profonda o inconscio collettivo, guidato sempre dalla conoscenza che può discriminare tra giusto e scorretto, si possa accedere alle conoscenze semplici ma superiori che Ermete porta in mano come un libro aperto, segno che lui conosce e dimostra la Verità, ma purtroppo (anche giudicando ciò che le facce dei 4 umani inferiori trasmettono), non riesce a comunicare a chi non è ancora pronto.

Il libro che Ermete tiene in mano, riporta due immagini particolari: alla sua destra (vostra sinistra) un uccello e un serpente si mangiano vicendevolmente. Il volatile è senz'altro  una fenice, animale collegato al fuoco e al rinnovamento tramite la propria morte; il serpente è il classico simbolo collegato ala rinnovamento esteriore (la pelle) ovvero materiale, ergo i due si nutrono uno dell'altro esattamente come avviene nella esistenza umana, dove ogni giorno tutti ci rinnoviamo alla luce di nuove esperienze, mentre spiritualmente (fenice) ci rinnoviamo quando moriamo e poi rinasciamo.

Entrambi gli animali, sono sovrastati sia dal sole splendente (simbolo di razionalità e luce interiore) che dalla luna (sia calante che piena, simboli di pienezza inconscia ovvero di cosciente contatto con il proprio inconscio). Sotto di essi vi è un altra luna, piena ma che non si capisce se sia femminile o maschile, se sia felice o arrabbiata, la quale segna la supremazia (degli altri segni) sull'inconscio umano non iniziato.

Nell'altra pagina si evince la presenza di due soli che sovrastano un terzo sole ma circondato da due cerchi contenitivi, che splende più di quelli superiori: il simbolismo rappresenta il raggiungimento del livello iniziatico superiore, dove l'iniziato raggiunge il livello illuminato reale dove non esistono più punti oscuri, e se anche vi fossero verrebbero illuminati e resi palesi dalla coscienza raggiunta. 

Il sole dentro i due cerchi concentrici, indicano simbolicamente il sole che ogni iniziato deve far splendere dentro di sé, divenendo il proprio Dio e il proprio maestro, in entrambi i mondi (interno e esterno, materiale e spirituale) senza il quale non vi è illuminazione reale.

Tutte queste nozioni, vengono proiettate nella mente di chi sa assorbire i simboli, il tutto per il solo fatto di voler comunicare conoscenze solo a chi sia in grado di comprendere i simboli. Ecco cosa indica il detto che anche la Bibbia riporta e che dice:"Non date le perle ai porci"...

Spero di avervi fatto avvicinare di più ai segreti dei simboli.

 

 

 

vestiti Meraki su amazon