Il pifferaio magico

Il pifferaio magico significato

La vera storia inquietante del pifferaio magico di Hamelin.

Fiaba il pifferaio magico

Molti hanno familiarità con la storia del pifferaio magico di Hamelin. Pochi si rendono conto, tuttavia, che la storia si basa su eventi reali, che si sono evoluti nel corso degli anni, in una fiaba fatta per spaventare i bambini.

Per coloro che non hanno familiarità con la storia, diciamo che si tratta della fiaba ambientata nel 1284, nella città di Hamelin, Bassa Sassonia, Germania. Questa città stava fronteggiando un'infestazione di ratti, quando apparve un suonatore di cornamusa, vestito con una giacca con molti tessuti colorati e luminosi. Questo pifferaio, promise di sbarazzarsi dei topi in cambio di un pagamento, a cui i cittadini acconsentirono.

Sebbene il suonatore di piffero riuscì a liberarsi dei topi portandoli via con la sua musica, la gente di Hamelin rinnegò la loro promessa di pagare l'artista. Il pifferaio furioso se ne andò, giurando vendetta. Il 26 luglio dello stesso anno, il pifferaio tornò e condusse via i bambini, che non vennero mai più visti, proprio come fece con i topi. Tuttavia, uno o tre bambini vennero lasciati indietro, a seconda della versione che viene raccontata. Uno di questi bambini era zoppo e non riusciva a tenere il passo, un altro era sordo e non riusciva a sentire la musica, mentre il terzo era cieco e non riusciva a vedere dove stesse andando.

La prima prova conosciuta di questa storia, è presente nella stessa città di Hamelin, raffigurata in una vetrata che venne creata per la chiesa di Hamelin, risalente al 1300 d.C. Sebbene venne distrutta nel 1660, diversi resoconti scritti sono sopravvissuti. La più antica viene dal manoscritto di Lueneburg (1440 - 50), che recitava: "Nell'anno 1284, nel giorno dei Santi Giovanni e Paolo, il 26 giugno, da un pifferaio, vestito di molti colori, 130 bambini nati in Hamelin, furono sedotti e persi nel luogo dell'esecuzione vicino al koppen ".

La più vecchia immagine storica del pifferaio magico

La più antica immagine del Pifferaio Magico di Hamelin

La presunta strada, dove vennero visti i bambini l'ultima volta, è oggi chiamata Bungelosenstrasse (strada senza batteria o rullante), perché a nessuno è permesso suonare o ballare. Per inciso, si dice che i ratti erano assenti dai racconti precedenti, e vennero aggiunti alla storia attorno alla metà del 16° secolo. Inoltre, la vetrata e altre fonti primarie scritte, non parlano della piaga dei ratti.

Se la scomparsa dei bambini non era un atto di vendetta, allora quale era la sua causa? Ci sono state numerose teorie che hanno cercato di spiegare cosa accadde ai bambini di Hamelin. Ad esempio, una teoria suggerisce che i bambini siano morti per cause naturali e che il pifferaio magico fosse la personificazione della morte.

Associando i ratti alla peste nera, venne suggerito che i bambini fossero state vittime di questa piaga. Eppure, la peste nera fu la più grave in Europa tra il 1348 e il 1350, più di mezzo secolo dopo l'evento di Hamelin. Un'altra teoria suggerisce che i bambini siano stati effettivamente mandati via dai loro genitori, a causa dell'estrema povertà in cui vivevano.

Un'altra teoria, relativa alla fiaba del pifferaio magico, ipotizza che i bambini fossero partecipanti a una crociata di condannati, la famosa "Crociata dei bambini", e che sarebbero morti durante il viaggio in Romania, o che la partenza dei figli di Hamelin fosse legata all'Ostsiedlung, in cui un certo numero di tedeschi, lasciarono le loro case, per colonizzare l'Europa dell'Est.

Una delle teorie più oscure propone addirittura che, il pifferaio magico, fosse in realtà un pedofilo che si insinuò nella città di Hamelin per rapire i bambini durante il sonno.

I documenti storici suggeriscono che la storia del pifferaio magico di Hamelin, fu un vero e proprio evento storico, avvenuto nella nostra realtà e non solo un fatto fiabesco creato per i bambini. Tuttavia, la trasmissione di questa storia, si è senza dubbio evoluta e cambiata nel corso dei secoli, anche se non si capisce fino a che punto sia mutata, e il mistero di ciò che avvenne realmente a quei bambini, non è mai stato risolto. La storia solleva anche una domanda, ovvero se il Pifferaio di Hamelin si basa su fatti realmente avvenuti, quanta verità ci potrebbe essere anche nelle altre fiabe, che abbiamo sentito da bambini e che sono state tramandate fino ad oggi?

Significato simbolismo Pifferaio Magico

Da un punto di vista simbolico, il pifferaio magico può essere paragonato alle offerte che la vita ci pone davanti, molto suadenti per coloro che non hanno mezzi per resistere alle offerte inesistenti. La musica non si può toccare, né mangiare, né ci consente di esistere, ma ci conquista con le sue note sensuali che toccano nel profondo chi le ascolta, rendendolo poco logico e controllato.

I bambini sono il simbolismo di coloro che non sanno ragionare ma agiscono spinti dal desiderio, dalla purezza dell'esistere, senza gli occhi aperti agli inganni. Questa cecità mentale, rischia di far cadere nelle trappole della vita, coloro i quali che si lasciano conquistare da ciò che sembra ma non è, da tutto quello che promette ma non mantiene.

Un parallelismo con la vita di ogni giorno e il pifferaio magico, potrebbe essere il consiglio che tanti genitori hanno dato ai propri figli, di non accettare caramelle dagli sconosciuti: il classico esempio di una promessa allettante (caramella) con dietro nascosti obblighi cattivi, per chi dovesse cedere (possibile violenza o rapimento).

Ancora oggi le fiabe insegnano grandi leggi e saggezze a coloro che sono al mondo.

Attornoate.it Il sito di recensioni sui prodotti tecnologici di qualità