Simboli Celitici

Simboli tradizionali celtici

Mela:
Idunna è la dea della primavera dell'eterna giovinezza immortale e della vitalità, è la gaurdiana delle mele d'oro dell'immortalità, solo a lei è permesso di raccogliere queste mele sacre che rappresentano la fertilità, il vigore giovanile e la forza vitale vibrante. Idunna condivide le sue mele magiche con gli Dei e le Dee tutti i giorni regalando giovinezza immortale e bellezza coloro che le mangiano. Idunna guarda attentamente le sue mele d'oro presenti nel suo cesto magico in quanto sono considerate i più pregiati tesori ad Asgard, non importa quante mele vengano usate perché il loro numero non cambia mai nonostante vengano distribuite agli Dei.

Uova:
E' un potente simbolo delle forze della fertilità, della vita e della rinascita, presente in molti siti di tombe antiche come simbolo di vita eterna, ritenuto sacro a Ostara e il suo coniglio (Coniglio pasquale).

Impronta:
Simbolo trovato su molte incisioni rupestri di età recente, il simbolo dell'impronta del piede è associata spesso con il culto di Vanir, ed è un potente simbolo della presenza degli Dei, portando abbondanza per la terra e le genti: si riconosce il parallelismo con l'impronbta sacra del Buddha.

fylfot simbolo celticoFylfot:
Il Fylfot (che significa "quattro zampe") è il più antico e il più potente dei simboli di potere, si trova in quasi tutto il mondo, sotto qualche forma. Ci sono migliaia di varianti di questo simbolo potente nella tradizione pagana germanica ed ha comunemente una forma vorticosa spesso raffigurata in entrambe i sensi, sia orario che antiorario, senza che il cambiamento muti di significato. Associato con il fuoco e fulmini, il Fylfot è particolarmente sacro a Thor, ed è un potente simbolo del potere cosmico dinamico, inarrestabile forza vorticosa della volontà, usata per invocare il suo potere e la sua protezione. Questo motivo si trova sovente nelle grandi terre che erano abitate dai Teutoni, nel periodo che và dall'età del Bronzo, dove il fylfot si trova spesso inciso su urne crematorie o scolpito su lapidi commemorative in cui appaiono anche le prime rune, redatte per la ricerca della protezione da parte di Thor durante il viaggio nella vita ultratterrena.

Cuore:
Originariamente una rappresentazione stilizzata della parte genitale femminile, questo antico simbolo del cuore è il segno delle benedizioni dell'amore per la vita, la fertilità e le energie creative della terra di Freyja: il suo simbolismo erotico sacro, parlava di amore sacro e madia della fertilità, tutti concetti ben documentati dai reperti arrivati a noi dall'età del Bronzo.

Odroerir triskellion triplo cornoOdroerir - Corno Triskelion:
Una variante del valknut, molti credono che questo simbolo fosse usato per rappresentare i tre calderoni in cui il sacro idromele Odroerir veniva mantenuto. Questo simbolo è un antico segno teutonico con radici sciamaniche, che mostra i tre calderoni in cui viene prodotta la bevanda degli Dei, l'idromele, una bevanda ricca di di poesia chiamata Odroerir ( che significa " frenesia agitatrice " ) fatto dalla fermentazione del sangue dei più saggi degli antichi Dei, Kvasir. Chi riceve di bere questo idromele riceve il dono dell'ispirazione, una grande saggezza, la conoscenza esoterica e l'eloquenza del discorso poetico, in sostanza rappresenta il fiume della conoscenza che, posseduto dall'uomo che ha combattutto per ottenerla, diventa differente dalla massa e si eleva dall'ignoranza comune per accedere a livelli di sapere superiori. Non si dice forse che la conoscenza abbia spesso un sapore amaro e chi si rifaceva ad antiche conoscenze, scoprendo quanta ignoranza cifosse al mondo, abbia detto "guai a colui che beve da questo amaro calice" ? Infatti se da un lato la conoscenza ha un sapore dolce a chi è giovane sul cammino della ricerca, per chi aveva fondato le sue speranze su nozioni e speranze vane, diventa un calice amaro poiché si sveglia da una illusione per rendersi conto della realtà della vita, cosa che non tutti possono sopportare.

Anello:
Il cerchio ininterrotto è un simbolo antico e potente della natura eterna della Dea Terra e la fertilità , nell'antica arte i soggetti e i guerrieri sono spesso raffigurati mentre indossano un cerchio al collo: in Germania è conosciuto anche come cerchio sacro e su di esso ssi facevano i giuramenti pagani durante i riti religiosi, per indicare che il giuramento lo si faceva di fronte al Creato stesso, ciò dava un peso notevole alle parole che si pronunciavano. Ancora oggi si usa scambiarsi un anello durante il matrimonio per sancire il giuramento che si fa di fronte a tutti e all'universo, anche se ormai ha perso totalmente di significato reale, visti i divorzi che continuano ad aumentare.

Rune:
Le rune sono espressioni simboliche dei misteri cosmici dell'universo, che vennero scoperti da Odino durante la sua iniziazione scimanica: le rune si sono poi sviluppate ed evlute, partecipando nell'età del bronzo alle attività particolari e sacre dei Teutoni, furono incise su talismani, amuleti, usate per la divinazione, oppure usate anche per la guarigione, la vittoria, la fertilità e la crescita.

Nave:
La nave è comunemente reperita in incisioni rupestri risalenti al 5000 aC, la si puà anche trovare su pietre funerarie, nelle tombe forse ritenuta il veivolo con cui l'anima del defunto arriva nell'aldilà. La nave rappresenta anche un simbolo di fertilità associata a divinità come il dio Vanic, in particolare a Njord dio del commercio e Nerthus che viene raffigurato mentre viaggia con la nave. Per i popoli Teutonici la nave era il solo mezzo di trasporto ma giocava un ruolo enorme come mezzo di trasporto spirituale: il suo uso come simbolo di fertilità e l'uso che se ne faceva nei riti funebri, benediceva la vita sia di questa dimensione che in quella dei defunti, collegando questo simbolo alla vita, alla morte e alla rinascita.

sheildknot nodo infinitoSheildknot:
Il Sheildknot e le sue varianti sono il simbolo di protezione: è ancora usato oggi in Scandinavia per delimitare le zone protette a uso archeologico o che abbiano una importanza a livello culturale.

 

 

 

 

Ruota del Sole:
Questa croce all'interno del cerchio è uno dei tanti simboli del sole, uno dei più antichi che si può trovare in quasi tutte le culture del mondo, in una forma o l'altra, ma anche uno dei più antichi simboli appartenenti alla cultura germanica. Esso rappresenta i cicli stagionali, i cicli delle vicende della vita degli umani e lo scorrere del tempo in un continuo senza fine. La ruota solare evoca i poteri della vita, la fertilità, la pace e l'abbondanza, la terra viene rappresentata dagli scienziati, così come lo era nell'epoca in cui si studiava l'alchimia, con questo simbolo. In tempi antichi, piccole ruote solari venivano bruciate e fatte rotolare giù dai fiordi della baia nei rituali scandinavi nelle feste estive.

Martello di Thor:
Il martello di Thor è principalmente un simbolo e uno strumento che serve a santificare o "rendere sacro". Thor è uno dei più amati e onorati dei/eroi degli antichi popoli germanici, per via del suo potere di controllare le stagioni. Il possente martello di Thor chiamato Mjolnir che significa "il frantoio", è uno dei tesori più preziosi del Dio e rappresenta la vita che porta la fertilità, una sorta di grande fallo cosmico che difende anche gli Dei da coloroc he portano il caos e la distruzione ovvero i Giganti. Il martello di Thor diventò il simboloper rappresentare la religione che si venne a rifondare in Scandinavia, chiamata Asatru.

Il Carro:
Il carro si trova spesso legato al dio Freyr, la sua immagine si può reperire in tutta la Svezia; il carro come la nave è associata ai misteri della fertilità, alla vita e la morte e la rinascita, viene visto come il veicolo per altri mondi.

valknot nodo di odinoValknot:
Questo simbolo è stato collegato alla figura di Odiono da antichi manufatti e incisioni ritrovate , rappresenta il "nodo degli uccisi" ed è diventato anche il simbolo dei nove mondi della tradizione esoterico-religiosa dei paesi del nord. E' il simbolo di Odino, mostra il potere di legare o sciogliere le menti e le anime degli uomini, così coem il fato colpendo questo intreccio crea movimenti insondabili nella vita degli esseri umani, spesso indirettamente collegati.

 

 

 

iggdrasil irminsull simboloYggdrasil | Irminsul:
Yggdrasil è "l'Albero del Mondo", un gigantesco albero o pilastro centrale che legae collega i 9 mondi dell'universo: Yggdrasil si traduce con Ygg="terribile" e drasil="destriero". Yggr è un altro nome di Odino, prendendo il significato e il collegamento con il destriero del Dio che possedeva otto zampe, a indicare il suo collegamento con il mondo manifesto oltre che con quello immanifesto. Dalle tribù germaniche era conosciuto come Irminsull e storicamente era una quercia o pilastro in legno venerato dai sassoni che si diceva collegasse il cielo e la terra. Il suo nome, Irminsull, viene tradotto come "potente pilastro" e deriva da Irmin l'antico nome sassone per Odino (norreno: Jörmunr), quindi sta a indicare l'equilibrio cosmico, l'ordine, il potere personale, la creatività spirituale, la crescita ela conoscenza nascosta. L'antico simbolo di Yggdrasil | Irminsull continua ancora ad oggi ad essere venerato e onorato sotto forma di albero natalizio, che tra l'altro si ricollega anche al simbolismo ebraico dell'albero delle sephiroth, vedi anche i simboli del natale.

Simboli Germanici significato

 

 

Contatti
Copyrights simbolisignificato.it 2014- Tutti i diritti riservati

 Partita IVA: 01533220297

Donazioni per il sito simboli