Mandala caratteristiche

Mandala Significati Caratteristiche

Ho incluso questa descrizione dei Mandala per dare ulteriori chiarimenti, a causa delle molte scuole di pensiero che sono collegate all'uso dei mandala, questa pagina è quindi un supplemento sulle definizioni legate ai mandala, di seguito do una breve serie di informazioni a riguardo, perché credo che prima di usare qualsiasi cosa sia necessario comprendere da dove viene e cosa significa.

Mandala significato storico etimologico

    Mandala:
    La definizione di mandala letteralmente significa "cerchio", è quando ci riferiamo al mandala in termini energetici che capiamo il vero significato della parola mandala, ecco perché essi sono così efficaci nella meditazione. Il disegno spesso concentrico dei mandala magnetizza visivamente la coscienza e la consapevolezza personale, consentendo di entrare in risonanza con essi.

    Chakra:
    Il termine chakra è sanscrito e significa "ruota", ci sono sette centri principali di energia (anche se secondo le conoscenze esoteriche il loro numero è pressoché infinito anche se alcuni parlano di 360.000 chakra altri di 13, dipende a quali chakra ci si riferisce, comunque i principali sono sette) secondo la tradizione induista. Per saperne di più vai a Chakra simboli

    Maha:
    Maha significa "grande" o "supremo".

    Vidya:
    Vidya significa, letteralmente, "saggezza", in particolare del genere femminile, ecco che si vuole rappresentare la saggezza infinita della dea (figura intesa generalmente non specificatamente) la quale crea nell'amore tutto l'universo donando la materia al corpo spirituale (nella dimensione spirituale i valori sono invertiti rispetto a quelli inerenti al mondo materiale ma mi fermo qui altrimenti vi faccio fare confusione).

     Shri:
    Shri significa semplicemente "santo" o "sacro", in riferimento al mandala, si può trovare il termine "shrimandala" che indica semplicemente un santo o sacro mandala usato per esprimere ciò che è divino, o di indurre uno stato meditativo santo o sacro.

    Mantra:
    Un mantra è un suono ritenuto sacro oppure un insieme di suoni il cui suono ha un grande potere, è essenzialmente il suono del dio e della dea: spesso ci si riferisce a un mantra famoso anche in occidente, il sacro Om, che viene usato nella meditazione, ma di mantra ne esistono a migliaia anche se molti sono segreti per varie questioni e solo un maestro autorizzato potrebbe insegnarveli. Oltre a pronuciare il mantra, infatti, si deve usare una particolare forma di respirazione mentre si vocalizza il suono oppure mentre lo si fa risuonare senza "muovere le labbra" ... dentro di sé. Se trovate che un mantra particolare vi faccia sentire bene con voi stessi o vi aiuti nella meditazione, potete comunque usarlo, poiché anche a livello scientifico si è ormai compreso come i suoni interagiscano con il nostro essere, aiutandolo a star bene o facendolo ammalare.

    Yantra:
    Uno yantra combina il concetto di mandala e mantra, si tratta sostanzialmente di un mantra visuale, che incarna il suono di dio in un simbolo sivivo stampato a icona, che rappresenta comunemente la geometria della sagezza che appartiene alla dea o della Devi induista.

Che cosa sono Mahavidyas?

Prendendo le definizioni in considerazione di cui sopra, Mahavidya viene letteralmente tradotto in "suprema saggezza". I Mahavidyas sono rappresentativi delle dieci dee indù dominanti, sono simboli di tutta la gamma delle divinità femminili. I mahavidyas vengono descritti come dee estremamente potenti da non sottovalutare nella numerosa lista di dei induisti.

Le dieci Mahavidyas sono le seguenti:

    Kali
    Tara
    Tripu Sundari ( aka Shri o Shodashi )
    Bhuvaneshvari
    Tripur Bhairavi
    Chinnamasta
    Dhumavati
    Bagalamukhi
    Matangi
    Kamla

 

 

Contatti
Copyrights simbolisignificato.it 2014- Tutti i diritti riservati

 Partita IVA: 01533220297

Donazioni per il sito simboli