Occhio di Horus

Occhio di Horus simbolo egizio

Occhio sinistro di Horus dio egiziano

 

Occhio di Horus

Horus, noto anche come Ra, il dio del cielo e del sole, aveva testa di falco e i suoi attributi erano la luce e la misericordia: nelle tombe reali sono stati rinvenuti spesso amuleti che riproducono l'occhio del dio, il cui scopo era proteggere il defunto nell'aldilà. Si trattava inoltre di un emblema della regalità: gli antichi egizi ritenevano l'occhio di horus un simbolo di indistruttibilità in grado di favorire la rinascita, motivo forse per cui è stato ritrovato anche sotto il dodicesimo strato di bende che avvolgevano la mummia di Tutankhamon.

La tradizione più recente della massoneria si è appropriata del simbolo forse perché molti riportano di come la corrente massonica discenda dagli scalpellini egizi che possedevano le tecniche segrete per la fabbricazione delle piramidi così come dimostrarono con le loro conoscenze costruendo cattedrali magnifiche e armoniche per la religione cattolica, che riuscivano a stimolare l'amore per il dio cristiano. Anche gli Stati Uniti hanno usato l'occhio di Horus, sul retro del proprio stemma, dove compare in cima a una piramide come l'occhio della provvidenza o l'occhio onniveggente o che vede tutto, un simbolo abbastanza inquietante usato per scopi che scadono nel controllo delle popolazioni del mondo e l'instaurazione di un Nuovo Ordine mondiale.

Occhio onniveggente America

L'occhio di Horus è presente anche nell'immagine buddhista dell'occhio del mondo, rivelatore della prospettiva illuminata di Buddha: pare che nell'antichità i marinai del Mediterraneo dipingessero l'occhio sulla prua delle imbarcazioni per assicurarsi una traversata priva di pericoli. Nella tradizione egiziana, l'occhio di Horus veniva riportato ora rivolto a destra ora a sinistra questo perché esso rappresentava anche conoscenze particolari e segrete inerenti all'iniziazione ai misteri tecnologici tramandati dalle scuole misteriche egiziane, che avevano ricevuto tali conoscenze da antiche culture preesistenti alla società umana come la conosciamo dai testi di storia e di cui si è perso la memoria.

L'occhio viene rappresentato come amuleto protettivo ma anche per indicare a quale parte del cervello si debba fare affidamento a particolari "lavori interiori" durante la scoperta del proprio Sè superiore: oltre a queste informazioni è importante asserire che ormai simboli collegati all'occhio di Horus o semplicemente a un occhio che venga raffigurato come una pupilla aperta indica che chi lo espone è "sveglio e cosciente" nella realtà in cui si trova, ecco perché portandolo come amuleto protettivo, l'occhio di horus svolge una particolare funzione di memore nei riguardi della psiche, che verrà attivata per restare "all'erta" così da sfuggire da eventuali attacchi esterni, da qui la sua caratteristica protettiva.

 

 

Contatti: druido12974@gmail.com
Copyrights simbolisignificato.it 2014- Tutti i diritti riservati

 Partita IVA: 01533220297

Donazioni per il sito simboli